Il significato storico e simbolico di diversi tipi di pietre

Quando si tratta di scegliere il miglior materiale per la propria casa o ufficio, sono tanti gli aspetti di cui bisogna tener conto.

In questo articolo vogliamo offrirvi una prospettiva diversa, approfondendo il significato simbolico e storico di alcune delle pietre più famose.

Il bianco di carrara

Parlando di pietre non si può che cominciare dal marmo per eccellenza, ovvero il bianco di carrara, di colore bianco luminoso con venature nere e grigie, conosciuto in tutto il mondo come uno dei marmi più pregiati e bandiera del Made in Italy nel mondo, estratto nelle Alpi Apuane al confine tra Liguria e Toscana.

Le cave probabilmente venivano già utilizzate durante l’età del ferro dai Liguri di Ameglia (SP); l’attività estrattiva si sviluppò dall’epoca romana e conobbe il massimo sviluppo sotto Giulio Cesare. Durante il Rinascimento venne utilizzato da Michelangelo.

Storicamente il bianco carrara è stato utilizzato per sculture, opere d’arte ed edifici di pregio.
Il forte utilizzo di questo marmo non si è mai fermato nel tempo anche per merito del notevole volume di esportazioni.
Oggi il suo impiego è prevalentemente interno, per pavimenti, rivestimenti, bagni, ripiani cucine e complementi d’arredo.

Il travertino

Un altro marmo molto conosciuto e simbolo di eleganza, è il travertino: la sua colorazione naturale va dal bianco latte al noce e di frequente contiene fossili di animali e piante.

In Italia i travertini più pregiati provengono dalla pianura sotto Tivoli, vicino a Roma.
I latini ne fecero una delle principali risorse edilizie della città. L’uso ne fu così tipico che in italiano è stato denominato Travertino Romano.

L’anfiteatro Flavio, il teatro di Marcello e molte altre opere dell’epoca mostrano che il travertino è in grado di resistere al passare del tempo in modo straordinario. Oggi questo materiale viene impiegato prevalentemente nelle abitazioni di pregio per pavimenti, rivestimenti, scale e bagni.

Il vratza

Un altro materiale, sempre di colore beige chiaro, tenue e raffinato, simbolo di un’eleganza sobria, è il vratza. Viene estratto in Bulgaria ed è molto utilizzato sia nell’edilizia privata per realizzare pavimenti, rivestimenti, scale interni ed esterni, sia nell’architettura sacra (Cattedrale di Sofia) che per l’edilizia pubblica in grandi quantitativi grazie alla sua antigelività ed alla colorazione costante.

La beola

Tornando sul territorio nazionale, uno dei materiali storici il cui uso viene fatto risalire al Rinascimento è la beola, una pietra di colore grigio, che simboleggia la forza e la resistenza del granito e viene estratta in Val d’Ossola, Piemonte.
Grazie ai collegamenti fluviali con il nord-Italia, questa pietra è stata utilizzata nell’edilizia milanese, nella realizzazione dei palazzi storici e di opere pubbliche, sia negli interni che negli esterni.

Storicamente, la beola è stata sempre molto utilizzata in quanto dotata di un senso di vena che ne consentiva una facile lavorabilità: in particolare, la cosiddetta “beola a spacco naturale di cava” viene ancora oggi ricavata a mano in cava dalle mani degli esperti scalpellini, i quali seguono vene nello spessore chiamate “piode” ottenendo così materiale dotato di una lucentezza naturale che si arricchisce grazie alla presenza di brillantini argentati sul piano.

Il serizzo

Un’altra pietra di grande diffusione è il serizzo, di colore grigio e grana uniforme, anch’esso estratto in Piemonte.

Dotato di notevole durezza e resistenza tipici dei graniti, rispetto alla beola è stato impiegato in un secondo tempo, quando la tecnologia ha permesso di estrarre i blocchi e tagliare le lastre coi telai.
Considerata la buona disponibilità nelle cave, è stato utilizzato molto sia per lavori pubblici, come il rivestimento delle Stazioni Metropolitane di Milano, che per palazzi ed abitazioni private.

Se hai bisogno di altre informazioni su marmi, graniti o pietre, contattaci per telefono oppure scrivici compilando il modulo qui sotto.

richiesta informazioni prodotto

    se hai bisogno di chiedere informazioni senza alcun impegno, ecco il modulo da compilare. ti risponderemo al più presto


    Privacy PolicyCookie Policy